Chi vive in una zona terremotata, o abbastanza vicino da sentirne gli effetti, sa bene quanto sia importante avere una conferma immediata della registrazione o meno di un evento sismico.

Può essere un modo per esorcizzare la paura, quello di verificare su un sito se un terremoto è davvero avvenuto oppure no, perché vivere in una zona sismica durante o dopo una sequenza può davvero far saltare i nervi e basta un piccolo movimento del tavolino per credere di stare assistendo nuovamente ad un evento sismico.

Per questo e per altri motivi, anche più scientifici, esistono da diversi anni siti web che si preoccupano di registrare e mostrare una lista degli ultimi terremoti captati dalla rete dei sensori dell’INGV. Il sito ufficiale dell’Istituto non è il massimo per usabilità e velocità e spesso sono richiesti diversi clic di pagina prima di giungere alla lista vera e propria.

Per questo esistono siti alternativi, più moderni e rapidi, per avere le risposte che cerchiamo. Uno dei più recenti è Terremoti.info. Mettetelo tra i preferiti e consultatelo ogni volta che vorrete avere in pochissimi secondi un’idea completa della situazione sismica nel nostro paese.