Informazi.one

Per restare informati sulla tecnologia dell'informazione

Dispositivi, IQOS

Sigaretta elettronica iQOS e HeatStick Marlboro HEETS

Oggi continuiamo a parlare della sigaretta iQOS e delle mini-sigarette create per essere usate con il dispositivo di Philip Morris.

In un altro articolo parlavamo dei benefici e dubbi, pro e contro della sigaretta iQOS.

La iQOS, come dicevamo in un precedente articolo, funziona scaldando il tabacco e non bruciandolo. Per questo motivo il tabacco contenuto nella sigaretta, o meglio HeatStick, è diverso da quello classico. Alcuni utenti chiedono se sia possibile accendere una HeatStick in modo classico, quindi con l’accendino, e fumarla normalmente. Il nostro consiglio è di non farlo nel modo più assoluto per due motivi:

  • Le HeatStick costano 5 euro a pacchetto e una sigaretta è lunga meno della metà di una normale, quindi l’idea ci risulta poco conveniente.
  • Il modo in cui una HeatStick viene prodotta è diverso dal processo classico e non c’è molta letteratura al riguardo, quindi nessuno sa bene quali composti sono contenuti in una HeatStick, e siccome lo scopo primario del fumare con la iQOS era quello di fumare nuocendo di meno alla salute, non vediamo perché andare a rischiare di fumare qualcosa non progettato per essere fumato con la fiamma.




Detto questo, da un mese circa è raro trovare in Italia le vecchie HeatStick Marlboro. Queste sono state sostituite dalle HEETS, un prodotto identico al precedente ma diverso nel nome. Ci sono ragioni di brand e marketing ma anche probabilmente legali dietro questa scelta. In ogni caso, Philip Morris ha intenzione di concentrare sempre più sforzi nella produzione e miglioramento di iQOS e le sue HeatStick, e noi vi terremo sempre aggiornati sugli sviluppi.

10 Comments

  1. luigenio

    CARME’CARME’,
    Tu sola nun ma basta,
    me ce ne vonno tre

  2. Salve io la sto fumando da circa un mese ma noto che’ quanto la sigaretta la inserisco nella fase di riscaldamento fa un cattivo odore di cacca! Mi sapete dire perché ?

  3. Giovanni

    puzza effettivamente di cacca

  4. Giovanni

    io la fumo da novembre e tutti mi dicono che puzza di cacca. così anche il fiato

  5. Alcune scatole secondo noi sono difettose. Quando si accende la heatstick e si comincia a scaldare emana qualcosa che ricorda zolfo, ma nella nostra esperienza dura al massimo una decina di secondi, poi sparisce.

  6. daniele

    Quasi sempre su 20 sigarette almeno un terzo non si riesce a fumare… o il tabacco è forse troppo compresso o spesso troppo poco…credo che a volte il riscaldamento della macchinetta sia insufficiente..erano molto meglio le prime uscite …di positivo c’è che da due pacchetti di marlboro che fumavo prima ora uno di questi mi dura un giorno emezzo … domanda : è permesso fumare in luoghi pubblici dove vige il divieto ?

  7. Ezio

    Smetti di tenere le sigarette nel culo!

  8. Simonetta

    Il filtro delle nuove heets si surriscalda fino a scottare le labbra.non si possono fumare.

  9. carla

    sono diverse dalle prime!!!! fanno schifo!!!!! scottano!!!!! prendete provvedimenti!!!!! puzzano!!!

  10. Teresa

    Io le fumo da una settimana e mi trovo benissimo. Mi è passata la tosse da sigarette.ho più fiato e ne fumo meno. Prima un pacchetto di sigarette normale mi durava un giorno ora uno di heets mi dura un giorno e mezzo. Bella innovazione

Lascia un Commento

Per restare informati sulla Tecnologia dell'Informazione

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi